wordpress visitors

Scattare alla cieca, o non scattare affatto…

Mar 23, 2012 No Comments by
A volte, come fotografi, ci troviamo in situazioni nelle quali e' del tutto evidente che non siamo i benvenuti. Capita soprattutto ai fotografi di viaggio e di reportage che hanno spesso a che fare con culture radicalmente diverse o ambienti e situazioni difficili.
Un buon esempio di impresa difficile e' fotografare le donne nei paesi mussulmani. Ci rendiamo immediatamente conto che la nostra ispirazione artistica non e' apprezzata, ne' completamente capita, ed e' probabile che verremo ricambiati piu' con diffidenza che con collaborazione. Un gran sorriso, un animo gentile e il giusto atteggiamento possono spesso fare la differenza, ma ci sono delle volte in cui semplicemente non funziona e occorre lavorare d'ingegno, fermo restando il dovere di rispettare le persone che non vogliono essere fotografate per nessun motivo.


Un altro problema che si presenta al fotografo e' il fatto che le persone che sanno di essere riprese perdono naturalezza e il loro comportamento e' influenzato dalla consapevolezza di essere il soggetto delle nostre foto. In queste situazioni e' utile padroneggiare una tecnica che puo' sembrare impossibile a prima vista. Scattare senza inquadrare, cioe' senza guardare attraverso la macchina foto.
Per quanto difficile possa sembrare vi assicuro che si tratta di una tecnica molto efficace che talvolta vi consentira' di portare a casa uno scatto altrimenti impossibile.
Vediamo come funziona.

Le impostazioni della fotocamera sono molto semplici. Ricordiamoci che non avremo la possibilita' di guardare attraverso la fotocamera, quindi non c'e' assolutamente nulla che possiamo controllare e correggere durante la ripresa. Dobbiamo per forza usare la macchina foto in modo completamente automatico.
Per quanto riguarda la messa a fuoco avremo due possibilita': messa a fuoco singola o multipla. Con la messa a fuoco a multi-punti, avremo si la certezza che qualcosa sara' a fuoco nella foto, ma non c'e' nessuna garanzia che sia proprio il nostro soggetto. Con la messa a fuoco su singolo punto (io consiglio di impostare il punto centrale) abbiamo piu' controllo su che cosa sara' a fuoco nella foto e, con un po' di pratica, possiamo anche premetterci di mettere e fuoco e ricomporre l'immagine per spostare il soggetto dal centro. Ovviamente tutto cio' non e' facile, ma ci si puo' riuscire facendo sufficiente pratica.
Per quanto riguarda la modalita' di scatto, io uso il modo a priorita' di diaframma e scelgo il diaframma (e un valore ISO) che mi dia un tempo di posa adatto alla particolare situazione che sto riprendendo. Se desidero foto ferme, scelgo la massima apertura e ISO alti, se invece voglio sperimentare con panning e mosso creativo allora scelgo una coppia diaframma-ISO che porti il tempo di posa a 1/4 o 1/8 di secondo. Una volta imposta la macchina foto in questo modo saremo pronti per scattare e sara' giunto il momento di provare e migliorare le nostre abilita'.
Ricordiamoci che non portando la macchina foto all'occhio, il nostro punto di ripresa sara' piu' basso del normale e potremo usare questa condizione per sperimentare nuovi approcci creativi. Ricordiamoci anche che le persone, in genere, penseranno che stiamo scattando una foto quando portiamo la macchina la foto all'occhio, la teniamo con la mano destra e la teniamo verticalmente. Possiamo facilmente nascondere il fatto che stiamo scattando cambiando tutto cio'.

Ecco come tenere la macchina fotografica per scattare "di nascosto"...

Se la macchina foto e' dotata di battery grip aggiuntivo (lo consiglio vivamente) e' piu' facile azionare il secondo pulsante di scatto usando la mano sinistra. Oppure possiamo tenere la macchina foto completamente all'ingiu' e azionare il pulsante di scatto con l'indice della mano destra. In questo modo le persone non penseranno che stiamo scattando e potremo portare a casa qualche scatto "impossibile". Ovviamente la parte piu' difficile rimane l'inquadratura. Non ci sono segreti ne' scorciatoie da prendere… occorre solo fare molta pratica, fino a quando questo modo di scattare non diventera' naturale e inizieremo a ottenere buoni risultati.
La parte piu' difficile e' rappresentata dal fatto che possiamo solo "mirare" grossolanamente al nostro soggetto, ma dopo un po' si riesce persino a mettere a fuoco e a ricomporre l'inquadratura prima dello scatto con una certa sicurezza. Anche con tanta pratica tuttavia mancheremo clamorosamente molti scatti e dobbiamo accettare le regole del gioco e i fallimenti.
Tuttavia, quando il risultato e' quello desiderato, potremo essere sicuri di aver realizzato una foto non banale che stimolera' un approccio piu' creativo alla fotografia, quindi prendete la macchina foto e iniziate a scattare alla cieca!

Una piccola galleria di immagini riprese senza inquadrare...

Fotografia, Reportage
No Responses to “Scattare alla cieca, o non scattare affatto…”

Leave a Reply